Seleziona una pagina

Perugia

Info Rapide

Stato:
Italia
Regione:
Umbria
Lingua parlata:
Italiano
Moneta:
Euro
Documenti:

Area Schengen: carta d’identità o passaporto

Extra U.E.:soggiorni di breve durata (3 mesi) passaporto valido per almeno tre mesi dopo la data di partenza ed eventuale visto d'ingresso

Corrente e Prese:
230 V / 50 Hz - Spina Tipo F (Schuko) e Spina Tipo L

ANTICHI BORGHI

Il territorio nei dintorni di Perugia presenta molte delle caratteristiche proprie della regione, ovvero natura incontaminata che alle morbide colline alterna splendidi centri storici, luoghi dove da sempre uomo e natura sono una cosa sola. Il paesaggio, coperto dal verde dei vigneti e degli uliveti, è costellato di castelli, mura e torri medievali che si stagliano all’interno di centri storici di grande suggestione, custodi di un notevole patrimonio artistico e culturale frutto di un glorioso passato. In ogni angolo e nelle piazze delle città si possono ammirare monumenti che testimoniano secoli di storia, arte e cultura.

 

Deruta

DERUTA

A 15 km da Perugia, Deruta sorge sulle colline che costeggiano la riva sinistra del fiume Tevere, dominante un panorama di colli che degradano sui fertili campi della vasta pianura sottostante. Le sue origini rimangono in parte oscure, ma certo è però il suo antico legame con Perugia, di cui è sempre stata un valido baluardo a Sud, verso Todi, ruolo del quale è tuttora testimonianza il suo aspetto di castello fortificato. Nel 1540, durante la “Guerra del sale”, Deruta si schierò con la Chiesa, che vinse la guerra e la ricompensò con l’esonero dalle tasse per molti anni. Da allora entrò a far parte dello Stato Pontificio fino all’Unità d’Italia. A partire dalla metà del XVI secolo la cittadina godette di un lungo periodo di pace che coincise con il massimo sviluppo della produzione della maiolica che ha l’ha resa famosa nel mondo.

Da vedere nel centro storico la Porta San Michele Arcangelo, ai cui lati vi sono tracce dell’antica cinta muraria. Superata la porta sono visibili testimonianze di alcune fornaci, mentre sulla piazzetta Biordo Michelotti si affaccia la Chiesa di San Michele Arcangelo, con facciata romano-gotica. Dopo la Fontana, a pianta poligonale, realizzata dai quinqueviri del Comune nel 1848, si apre Piazza dei Consoli con il Palazzo Comunale, sede della Pinacoteca, dove si trova un’importante raccolta di dipinti provenienti dalle chiese di San Francesco, Sant’Antonio, dei Defunti di Ripabianca e dall’ospedale di San Giacomo, e una parte della ricca collezione di Lione Pascoli; tra gli altri si possono ammirare dipinti del Perugino. Davanti al Palazzo Comunale è la Chiesa di San Francesco, in stile gotico, ed attiguo l’ex convento, fondato nel 1008 dai monaci benedettini e ceduto poi ai francescani, dove dal 1998 è ospitato il Museo Regionale della Ceramica, una magnifica raccolta di opere in ceramica di epoca compresa tra il periodo arcaico ed i giorni nostri. Da vedere anche la Chiesa di Sant’Angelo con facciata romano-gotica, la Chiesa di Sant’Antonio Abate, che conserva significativi affreschi di Bartolomeo e Gian Battista Caporali, e la piccola Chiesa della Madonna del Divino Amore, oggi nota col nome di Madonna della Cerasa. Lungo la via Tiberina si incontra la piccola Chiesa della Madonna delle Piagge, seicentesca, la cui facciata è ornata da una bella maiolica, e vicino alla quale è visitabile un interessante Museo di maioliche. Nei dintorni sono da vedere il seicentesco Santuario della Madonna dei Bagni, con una straordinaria collezione di ex voto popolari di ringraziamento alla Madonna dipinti negli ultimi quattro secoli su mattonelle di ceramica, e il Castello di San Nicolò di Celle.

 

CORCIANO

A 12 km da Perugia, Corciano è un caratteristico borgo medioevale sorto secondo un’antica leggenda per opera di Coragino, mitico compagno dell’eroe greco Ulisse. Per il notevole patrimonio ambientale, culturale ed artistico fa parte de “I Borghi più Belli d’Italia”.

Le origini etrusco-romane sono documentate dal ritrovamento di una necropoli etrusca e dai numerosi reperti oggi raccolti presso la sede municipale. Il periodo rinascimentale fu molto fiorente per la cittadina, che si arricchì di caratteristiche costruzioni e pregevoli opere d’arte. Un’alta cinta muraria racchiude l’antico castello medioevale, ricco di testimonianze storiche e di opere d’arte. Al suo interno si rincorrono vicoli, scalinate, palazzi, torri, giardini, chiese e campanili, nella cornice di una struttura medioevale intatta. Da vedere il torrione di porta Santa Maria, la centrale Piazza Coragino, con un bel pozzo del XVI secolo, il Palazzo Municipale, già residenza cinquecentesca dei duchi Della Corgna e sede di una raccolta dei reperti archeologici etrusco-romani, il Palazzo del Capitano del Popolo ed il Palazzo dei Priori, la Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta,  al cui interno è custodita una cinquecentesca “Assunta” del Perugino, la Chiesa di San Francesco, in stile gotico, con affreschi databili tra la fine del XIII secolo e gli inizi del XIV secolo e, sotto il pavimento, 21 tombe familiari chiuse da lastre tombali dove sono riprodotti gli stemmi delle più importanti famiglie corcianesi. Interessanti sono anche la Chiesa di San Cristoforo, sede del Museo della Pievania o museo di Arte Sacra, il Museo della casa contadina, la Chiesa di Santa Maria del Serraglio, e la trecentesca Chiesa di sant’Agostino, in cima ad una collina ricca di ulivi di fronte al colle di Corciano, con tele del XVIII secolo e le statue lignee dei santi patroni San Michele Arcangelo, San Sebastiano, San Rocco e San Macario.

Nei dintorni, oltre alla necropoli etrusca di Strozzacapponi meritano una visita il magnifico castello di Pieve del Vescovo, restaurato e trasformato in villa nel 1570 su disegno dell’architetto Galeazzo Alessi, e nella cui chiesetta dedicata a San Giovanni è conservato un importante affresco della scuola del Perugino, ma anche i castelli di San Mariano, Mantignana, Solomeo, Chiugiana, Castelvieto, Capocavallo e Migiana, dove si trova una cava di notevole interesse paleontologico con numerosi fossili di ammonite. Il territorio di Corciano offre inoltre un patrimonio ambientale naturalistico di grande interesse: dal borgo storico si gode un vasto panorama che spazia dalle verdeggianti pendici del Monte Malbe, del Monte Tezio e Monte Acuto a quelle del Monte Amiata, che è possibile scorgere, in lontananza, nelle giornate più limpide. La sommità di monte Malbe, nota come Colle della Trinità, è un’area boschiva, tipica macchia mediterranea, costituita da diverse specie arboree. Tra le più importanti manifestazioni organizzate nella città merita senza dubbio una nota particolare il Corciano Festival.

Corciano

 

TORGIANO

A 15 km da Perugia, Torgiano è un antico borgo medioevale e un centro vinicolo di fama internazionale, situato in mezzo a dolci colline tappezzate di vigneti ed uliveti, in una cornice paesaggistica ricca di suggestioni naturalistiche, storia, arte e cultura. Antico dominio di Perugia, con la “Guerra del Sale” del 1540 divenne territorio dello Stato della Chiesa e vi rimase, salvo il periodo dell’occupazione francese, fino al 1860, quando si unì al Regno d’Italia.

Torgiano conserva un tipico aspetto medievale e resti di mura antiche. Nel centro storico è possibile ammirare la Torre Baglioni, testimonianza dell’antica cinta muraria fortificata, e due fontane opera dell’artista Nino Caruso, la Fonte di Giano e la Fonte dei Cocciari. Per quanto riguarda gli edifici religiosi citiamo la Chiesa di San Bartolomeo, edificata nel XVIII secolo sopra un’antica pieve medioevale, la Chiesa di Santa Maria del Castello e la Chiesa della Madonna dell’Ulivello, al cui interno si possono ammirare tele del XVI e XVII secolo. Due i musei, entrambi gestiti dalla Fondazione Lungarotti: il Museo del Vino, ospitato nel seicentesco Palazzo Graziani-Baglioni, è il più qualificato d’Italia nel campo, con la sua raccolta pregevole di documentazioni storiografiche riguardanti la tecnica della viticultura e della vinificazione e l’importantissima collezione di maioliche dei secoli XVII e XVIII; il Museo dell’Olivo e dell’Olio, situato in un piccolo nucleo di abitazioni mediooevali all’interno delle mura castellane, conserva documenti, incisioni, recipienti d’epoca per la conservazione ed altri oggetti storici.

Nei dintorni, Brufa, località nota per essere tappa della Strada del Vino e dell’Arte, ospita ogni anno artisti che lasciano le proprie sculture sul territorio, dando vita ad un museo all’aria aperta. A Miralduolo è da visitare la Chiesa di Santa Maria in Bucarelli, lascito benedettino del XIV secolo custode di una “Maestà” affrescata dello stesso periodo. Da vedere anche la Chiesa della Madonna del Ponte in località Ponterosciano e la Chiesa del Crocifisso e di San Lorenzo a Pontenuovo.

 

CITTA’ D’ARTE

Non molto distanti da Perugia, e comodamente raggiungibili, sorgono alcune delle città d’arte più belle e interessanti dell’Umbria (e oseremmo dire d’Italia).

Eccone alcune:

ASSISI (a 24 km da Perugia)

Adagiata sulle pendici del Monte Subasio da dove domina la pianura, la città che ha dato i natali a San Francesco e Santa Chiara si è imposta all’attenzione mondiale come centro universale del messaggio francescano di pace e fratellanza. Costruita con la tipica “pietra rosata” del Subasio, Assisi emana la profonda spiritualità dei luoghi che la storia e la fede dei suoi Santi rendono unici nel mondo. La città e la quasi totalità del territorio comunale sono stati dichiarati nel 2000 Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’Unesco. Tra i numerosi monumenti che la rendono una delle mete turistiche italiane più frequentate si segnalano la basilica di San Francesco, fulcro della religiosità mondiale, la basilica di Santa Chiara e la romanica Cattedrale di San Rufino. Sulla piazza del Comune si affacciano il Palazzo dei Priori, il duecentesco Palazzo del Capitano del Popolo con la torre Civica, ed il tempio di Minerva, tempio romano risalente al periodo tardo repubblicano (I secolo a.C.) e perfettamente conservato. Appena fuori le mura domina la Rocca Maggiore, ricostruita nel 1367 dal Cardinale Albornoz sulla struttura di un antico castello feudale. Nelle immediate vicinanze sono visitabili i luoghi legati alla vita di San Francesco, come l’eremo delle Carceri, immerso in un fitto bosco sulle pendici del Subasio, il convento di San Damiano, l’imponente basilica di Santa Maria degli Angeli, costruita tra il 1569 e il 1679 per proteggere la Porziuncola, una piccola chiesa che accolse la prima comunità dei francescani, e la cappella del Transito, dove San Francesco morì il 4 ottobre 1226. Dal punto di vista naturalistico si segnala l’area del Parco Regionale del Monte Subasio, istituito per proteggere un ambiente di grande valore ambientale permeato da un’atmosfera mistica.

FOLIGNO (a 37 km da Perugia)

Terza città della regione per numero di abitanti dopo Perugia  e Terni, Foligno si distende tra dolci colline ai piedi dell’Appennino umbro-marchigiano. Fondata dagli Umbri, a cui seguirono i romani, conserva edifici religiosi e palazzi signorili di assoluto pregio. Su Piazza della Repubblica, fulcro della vita sociale e civile, si affacciano il Duomo, con la sua facciata secondaria gioiello architettonico dei maestri Rodolfo e Binello, il Palazzo Comunale e Palazzo Trinci, sede del Museo della Città, e vicino al quale si trova la nuova biblioteca Comunale che conserva più di 600 disegni dell’Imperial Regio Architetto Giuseppe Piermarini. Obbligatoria una visita alla Chiesa di Santa Maria Infraportas, con affreschi del Nelli, di Ugolino di Gisberto, dell’Alunno e del Mezzastris, alla Chiesa di San Salvatore, con un interno settecentesco opera dell’architetto Luigi Vanvitelli, e all’ex Chiesa di San Domenico, oggi sede dello splendido Auditorium. Notevoli anche l’oratorio della Nunziatella, pregevole esempio di architettura rinascimentale con due affreschi del Perugino, e la Chiesa di San Francesco, che conserva i resti della Beata Angela da Foligno, celebre mistica e maestra di teologia nata nei pressi dell’attuale Porta Romana. Altro importante edificio religioso è il Duomo di San Feliciano, che secondo la tradizione sorge nel luogo dove venne sepolto il primo vescovo di Foligno, martire cristiano sotto l’imperatore Decio. Tra i palazzi signorili si segnalano Palazzo Orfini, dove nel 1472 il folignate Evangelista Mei e il tedesco Giovanni Numeister stamparono la prima edizione della “Divina Commedia”, Palazzo Cantagalli, Palazzo Deli, Palazzo Alleori Ubaldi, Palazzo Bartocci e Palazzo Candiotti.

Abbazia di Sassovivo a Foligno

Nei dintorni sono molto interessanti l’abbazia di Sassovivo, con stupendo chiostro romanico, unica per l’atmosfera mistica che vi si respira, la Chiesa di Santa Maria in Campis, basilica paleocristiana restaurata nel XIX secolo, e la quattrocentesca Rocca dei Trinci, in località Sant’Eraclio. A Colfiorito meritano una visita i reperti archeologici, la Chiesa di Santa Maria di Plestia e il Parco regionale di Colfiorito, vasto altopiano di grande interesse naturalistico.

GUBBIO (a 41 km da Perugia)

Gubbio è uno dei centri più importanti dell’Umbria, nonchè meta di un attento turismo d’arte.

Testimonianza delle sue antiche origini sono le Tavole Eugubine, uno dei più importanti documenti italici, sette tavole bronzee scritte in lingua umbra conservate presso il Museo Civico, ed il teatro romano situato appena fuori le mura. Sovrastata dall’alto dalla monumentale basilica di Sant’Ubaldo, che custodisce le spoglie del patrono, la città ospita capolavori architettonici che simboleggiano e richiamano la sua potenza in epoca medioevale. Piazza Grande è il centro nevralgico e storico della città che unisce idealmente i quattro quartieri, iniziata nel 1138 e terminata soltanto nel 1483; dal suo terrazzo si gode una vista spendida sulla città, e su di essa si affacciano alcuni tra i palazzi più significativi di Gubbio: il Palazzo dei Consoli, simbolo della città e sede della pinacoteca e del museo Archeologico, il Palazzo Pretorio, oggi sede del Municipio e il Palazzo Ducale, attribuito a Francesco Giorgio Martini. Notevoli sono anche il Palazzo del Bargello con la famosa fontana, e il Palazzo del Capitano del Popolo. Di grande interesse anche la Cattedrale  del XII secolo, al cui interno si trova una “Madonna del Belvedere” di Ottaviano Nelli, e la Chiesa e il Convento di Sant’Agostino (XIII secolo) con all’interno affreschi del Nelli. Notevole anche Piazza 40 Martiri, con la Chiesa e l’Ospedale dei Bianchi, la Loggia dei Tiratori e il Monastero di San Marziale.

Fuori dalle mura sono da vedere il Mausoleo romano, la Chiesa di San Secondo, la Chiesa della Madonna del Prato e la Chiesa della Vittorina. Di grande interesse naturalistico, oltre all’area naturale del Parco del Monte Cucco, è la suggestiva Gola del Bottaccione, con le rocce che, secondo una teoria, celano i segreti della scomparsa dei dinosauri avvenuta 65 milioni di anni fa.

TODI (a 46 km da Perugia)

Situata su un colle dominante la confluenza del torrente Naia nel fiume Tevere, al centro di un suggestivo scenario collinare, Todi è stata definita da uno studio di accreditati architetti americani di fama mondiale la città più vivibile al mondo. Di probabile origine umbra, fu una delle città a contatto con la civiltà etrusca che prosperava sulla riva destra del Tevere e di cui fu fiorente centro tra il V e IV secolo a.C. In epoca romana fu colonia e municipio. Todi è cinta da tre concentriche cerchia di mura, che testimoniano l’estensione raggiunta dalla città rispettivamente in epoca umbro-romana, romana e medievale.Poco prima di entrare nel cuore del centro storico si incontra l’imponente Chiesa di Santa Maria della Consolazione, una delle opere più alte del Rinascimento in Umbria, iniziata nel 1508 su progetto attribuito al Bramante e conclusa nel 1617 con il contributo di illustri architetti dell’epoca. Cuore della città è Piazza del Popolo, già centro della città romana, splendido spazio rettangolare in cui sono situati i palazzi simbolo della vita spirituale e civile della città: Palazzo del Podestà, uno tra i più antichi edifici comunali italiani, eretto tra il 1214 ed il 1228, palazzo dei Priori, realizzato tra il 1334 ed il 1347 in forme gotiche e con una torre quadrangolare, il duecentesco Palazzo del Capitano del Popolo, con un’ampia loggia a pilastro centrale al piano terra, ed il Duomo, ampliato nel corso del XIII e XIV secolo, accanto al quale sorge il Palazzo Vescovile. Opera di notevole pregio artistico è il tempio di San Fortunato (XIII-XV secolo), collocato in cima a un’imponente scalinata, esempio di stile gotico umbro. Da piazzale IV Novembre, punto più alto della città dove si trovano i ruderi della Rocca distrutta nel 1503, si può ammirare uno splendido panorama sulla vallata del Tevere e su tutto il territorio della campagna sottostante: dai muraglioni del parco della Rocca è ancora oggi possibile scorgere i resti dei castelli che un tempo formavano un sistema difensivo particolarmente efficace ed articolato.

 

LAGO TRASIMENO

Il più grande dei parchi regionali umbri,  si sviluppa lungo il perimetro del Lago Trasimeno, il lago di Perugia, comprendendo tre isole, l’Isola Polvese, la più estesa, di proprietà della Provincia di Perugia, utilizzata come centro didattico e di studio ambientale, l’Isola Maggiore, la seconda in ordine di grandezza, in cui è un grazioso borgo di pescatori risalente al XV secolo, e l’Isola Minore, di proprietà privata.

L’aspetto naturalistico è quello di una zona umida di grandissima importanza. Il lago, incastonato tra dolci colline, ha da sempre rappresentato per l’avifauna acquatica un’importante area di svernamento, sosta e riproduzione, e per le specie ittiche un habitat perfetto per vivere e riprodursi. I centri rivieraschi, i piccoli borghi di pescatori, lo sfalcio dei canneti ancora effettuato a mano, contribuiscono ancora oggi a rendere una dimensione dell’insieme “al di fuori del tempo”. Veri protagonisti sono i pescatori, che da sempre hanno animato le acque del lago solcandole con le loro particolari barche, sfidando anche le più terribili burrasche. Ancora oggi è possibile vederne alcuni intenti nel riparare le reti e falciare il canneto. La presenza dell’uomo nell’area del Trasimeno risale a tempi antichissimi, anche perché da sempre il lago ha rappresentato per l’uomo una fonte inesauribile di sostentamento, sia per la pesca, sia per l’agricoltura particolarmente ricca e dovuta alla presenza dell’acqua, sia per la grande abbondanza di selvaggina. Etruschi e romani in particolare hanno dato forma ai centri rivieraschi di maggior importanza (testimonianze sono oggi visibili in questa area, a Quarantaia ad esempio è venuta alla luce una villa romana), anche se la struttura insediativa del parco è oggi prevalentemente quella medievale, con castelli e i centri cinti di mura di Passignano, Monte del Lago e di Castiglione del Lago. Il Trasimeno, viene comunque ricordato per la battaglia omonima combattuta il 24 giugno del 217 a.C. tra Annibale e il Console Flaminio che vide nella parte nord del lago enormi schieramenti cartaginesi e romani e che terminò con un terribile massacro.

Sulle rive del lago si affacciano i comuni di San Feliciano, Monte del Lago, Torricella, Passignano sul Trasimeno, Tuoro sul Trasimeno, Borghetto, Castiglione del Lago, Panicarola, Sant’Arcangelo, San Savino Castiglione del Lago, Magione, Panicale, Passignano e Tuoro, mentre fanno parte del  Comprensorio del Lago Trasimeno Castiglione del Lago, Città della Pieve, Magione, Paciano, Panicale, Passignano sul trasimeno, Piegaro, Tuoro sul Trasimeno. Tutti questi comuni sono meritevoli di una visita, per la loro importanza storica, che si riflette su importanti testimonianze architettoniche, e per le bellezze paesaggistiche. In ogni caso una visita al parco si rivelerà interessante per gli amanti della natura, dello sport, della storia e anche della buona cucina.

Itinerari

La rete sentieristica del Parco del Lago Trasimeno consente di raggiungere a piedi, ma anche a cavallo o in mountain bike tutti i colli che circondano il lago, e i numerosi centri storici che vi si affacciano. Ogni percorso permette di apprezzare il territorio sotto il profilo ambientale e paesaggistico, ma anche storico e culturale. Sono state ripristinate alcune vecchie discese al lago più significative per le caratteristiche ambientali dei Comuni Consorziati, per migliorare l’accessibilità da parte dei cittadini e turisti, nonchè per rendere più visibile il Parco, permettendo una più approfondita conoscenza dell’ecosistema lacustre: Comune di Castiglione del Lago – Scesa dell’aeroporto, Comune di Tuoro S/T – Scesa del Casa del Piano, Isola Maggiore Scesa del Centro abitato e viabilità pedonale Sasso di San Francesco, Comune di Passignano S/T – Scesa dell’Oliveto, Comune di Magione – Scese di Monte del Lago, Comune di Panicale – Scesa di Poggio di Braccio e del Grottone.

Per chi lo desidera c’è la possibilità di fare percorsi tematici alla scoperta di antiche pievi e monasteri, ai luoghi che furono teatro della battaglia del Trasimeno, o alla scoperta di rocche e castelli. Un percorso, definito “itinerario del Perugino” si snoda sui colli alla scoperta dei paesaggi che hanno ispirato il grande pittore: da Città della Pieve a Paciano, a Panicale a Castiglione del Lago. I buongustai invece potranno andare alla ricerca dei sapori tradizionali.

Sport

L’attività sportiva nel parco è facilitata, oltre che dalla stessa morfologia dei luoghi, anche dalla presenza di numerose strutture e di servizi attrezzati. Praticata in tutto il bacino lacustre è la vela, grazie anche ai club nautici che organizzano corsi di perfezionamento per adulti e bambini; la rete sentieristica favorisce il trekking e l’ippoturismo, consentendo nello stesso tempo di raggiungere, a piedi, a cavallo o in mountain bike tutti i colli che circondano il lago e quindi i numerosi centri storici, i borghi e i castelli. Altri sport praticabili sono il kitesurf, per scivolare sull’acqua trainati dal vento, e la canoa, per pagaiare in libertà ascoltando i silenzi del Trasimeno. La scuola Kitesurf di San Feliciano propone corsi base, di perfezionamento e lezioni private: i corsi sono suddivisi in teoria, pratica a terra e pratica in acqua, per una durata di 8-10 ore. Tutte le lezioni effettuate in acqua si svolgono mediante barca appoggio e istruttore a bordo, lontano da qualsiasi ostacolo o pericolo, e con l’ausilio del radiocasco per il massimo apprendimento possibile in piena sicurezza. Tutto l’equipaggiamento necessario è incluso nel costo del corso, eccetto eventuale mutina e scarpine (per motivi igienici). Il Canoa Club Perugia presente a Monte del Lago, organizza corsi personalizzati in base alle attitudini ed ai progressi dell’allievo.

In bici

Per gli appassionati della bici è disponibile una pista ciclabile che si snoda tra i campi coltivati ai confini del parco, da Castiglione del Lago fino alla località La Frusta di Sant’ Arcangelo. Il percorso, completamente segnalato, è alla portata di tutti e non presenta difficoltà di alcun tipo. Ci sono inoltre altri itinerari cicloturistici intorno al lago e alle sue colline:

Itinerario 1: Le Colline tra il Trasimeno e la Toscana (Castiglione del Lago, Gioiella, Villastrada, San Fatucchio, Castiglione del Lago): Km 34, dislivello 400 m, difficoltà facile.

Itinerario 12: Olio e vino sulle rive del Trasimeno (Castiglione del Lago, Ferretto, Riccio, Tuoro sul Trasimeno, Passignano, San Feliciano, San Savino, Sant’Arcangelo, Castiglione del Lago): Km 69, dislivello 450m, difficoltà media.

Itinerario 13: Da Panicale verso le colline del Perugino (Panicale, Sant’Arcangelo, Mugnano, Fontignano, Paciano, Panicale): Km 48, dislivello 750 m, difficoltà media.

www.bikeinumbria.it

Musei

Diversi sono i musei dislocati sul territorio. Il Museo della Pesca, a Magione, documenta la lingua, la storia e la vita del Lago Trasimeno attraverso quella che per secoli è stata l’attività principale della sua gente, la pesca. Nella raccolta sono documentate le tecniche di pesca con particolare attenzione allo sviluppo dell’attività produttiva di professione in relazione al contesto storico, sociale e ambientale. Il Museo delle Barche, a Passignano, espone alcune imbarcazioni del Lago Trasimeno, di Piediluco, del Padule di Fucecchio, oltre al “Fassoi” (barca realizzata con piante palustri) dello Stagno di Cabras, in Sardegna. Per il Trasimeno vengono presentate due tipi di barca tradizionale, in uso ancora nella metà del XX secolo tra i pescatori di professione, e già documentati nei secoli XV e XVI. Il Museo del Merletto, situato a Isola Maggiore, documenta la storia della più raffinata delle forme di artigianato del lago con l’esposizione di lavori e di strumenti che, dal 1904, hanno segnato la storia di questa attività. Il Museo del Tulle di Panicale dedicato alla sua ideatrice Anita Belleschi Grifoni, espone manufatti antichi, come tovaglie d’altare, camici e rocchetti del XI secolo, provenienti dalle chiese della città, ma anche splendidi esemplari della scuola Ars Panicalensis: veli da sposa, velette, guanti, centri e tovaglie, abiti da battesimo e mantiglie.

Social eating - Food
Stasera non andare al ristorante
le Special Dinner di Gnammo sono un nuovo modo per scoprire la città attraverso la tavola

Quando visiti una città vuoi scoprire cose nuove, vivere esperienze differenti. Appassionati di cucina, cuochi professionisti mettono a disposizione un menù e una location unica dove potrai fare nuove conoscenze e farti raccontare e consigliare la città da chi la vive tutti i giorni

da 25,00 €
Le migliori esperienze a Perugia
Fai qualcosa di diverso divertendoti
Vivi la città come non hai mai fatto, esperienze, ticket, musei, tour e visite guidate

Musement aiuta i viaggiatori a ottenere il meglio dalle destinazioni offrendo una grande scelta di tour e attrazioni locali prenotabili.Più che semplicemente "cose da fare", la gamma include attività temporanee, esclusive, gioielli nascosti e addirittura attività gratuite

da 10,00 €
Noleggio attrezzatura sportiva
Divertiti e mantieniti in forma
Cerca, confronta e noleggia online bici, sci, surf, kitesurf, tandem, pattini, racchette ecc.

Scopri la città in bicicletta oppure pratica il tuo sport preferito noleggiando l’attrezzatura al miglior prezzo possibile. Viaggia leggero, non portarti l’attrezzatura da casa, non solo la troverai da noi ma troverai anche persone appassionate come te che ti consiglieranno dove praticarlo

da 1,00 € l'ora
Devi soggiornare in questa città?
Ti aiutiamo noi a fare la scelta giusta!
Con oltre 130.230.000 recensioni verificate, troverai di certo il posto ideale!

Il sito numero #1 al mondo per ricercare un hotel o un bed and breakfast al miglior prezzo possibile. Che si tratti di un viaggio di piacere o di lavoro, gli utenti possono da qui prenotare il proprio alloggio all'istante in modo facile e veloce, senza costi di prenotazione e spesso cancellarla senza penali

da 34,00 €
Affitta appartamenti e ville
Affitta appartamenti e ville
Cerca su AirBnB, Wimdu, HomeAway, Only-apartments, TravelSki, BungalowNet..

Perché perdere tempo a cercare il miglior appartamento, la più bella villa o una baita in tanti siti diversi, oppure perché perdere la migliore offerta? Ti basta cliccare qui…un comparatore cercherà per voi sui migliori siti di affitto

da 35,00
Tour e attività da svolgere
Non girare a caso, fidati di noi
Perugia ha sempre tantissime cose da fare, non perderne neanche una

I migliori tour di Perugia, biglietti per "La Basilica di San Francesco", un tour guidato per le campagne circostanti e tante altre attività. Perché mettersi in coda per vedere un museo quando puoi comprare il biglietto online e saltare la fila?

da 20,00 €
Show Buttons
Hide Buttons